REGIONE   -  giovedì 3 agosto 2017 - 19:58

Dalla Basilicata ''no'' alle scorie nucleari

La Regione Basilicata unita con associazione e società civile

di Alessandro Boccia
Dalla Basilicata ''no'' alle scorie nucleari

La Regione Basilicata intende costruire, in sinergia con associazioni e societa' civile, una posizione di netta contrarieta' all'individuazione del nostro territorio come sede di deposito unico temporaneo o geologico delle scorie nucleari. Lo ha ribadito l'assessore lucano, Francesco Pietrantuono, durante un incontro con associazioni e comitati. Nel 2003 la Basilicata, con Scanzano Jonico, fu designata dal Governo per ospitare il sito unico: ma, dopo una protesta di oltre due settimane con strade e linee ferroviarie bloccate, il decreto fu ritirato. Durante l'incontro, l'assessore lucano ha annunciato l'avvio da parte del Ministero dello Sviluppo Economico delle consultazioni nell'ambito della Valutazione ambientale strategica per il Programma Nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi e del combustibile esaurito. Il termine – ha spiegato l'assessore - per presentare pareri ed osservazioni, da parte di cittadini, associazioni ed istituzioni, scade il prossimo 13 settembre. Alla fine di agosto si terrà un altro incontro operativo con Arpab e associazioni, allargato a cittadini, sindaci ed operatori vari, per fare il punto della situazione in vista della presentazione delle osservazioni.





Tag: scorie nucleari, regione basilicata, Scanzano Jonico

live tv e radio

I canali del Gruppo Norba in diretta

  • tn8
  • radionorba
  • radionorbatv