Andria, aveva reperti archeologici in casa: denunciato 30enne

  |  ANDRIA (BT)  -  mercoledì 26 febbraio 2020 - 10:57

E' stato accertato che i reperti sono tutti originali e di grande importanza storico - scientifica

di Giovanni Di Benedetto
Andria, aveva reperti archeologici in casa: denunciato 30enne

Numerosi reperti archeologici risalenti al periodo compreso tra il IV ed il III secolo a.C., molto probabilmente sottratti dai siti di Canosa di Puglia e di Herdonia sono stati recuperati dai carabinieri ad Andria, trovati all’interno di un’abitazione occupata da un 30enne di origine rumena. I militari avevano il sospetto che fossero nascoste armi, munizioni e materiale esplodente illegalmente detenute. Durante le operazioni di perquisizione, è stato individuato un capanno agricolo, di pertinenza dell’abitazione, nel quale sono stati rinvenuti numerosi reperti archeologici, costituiti da lampade, anfore, ciotole, brocche, scodelle, contenitori vari e monete, unitamente ad un metal detector, utilizzato per sondare i vari terreni di interesse. I reperti sono stati messi a disposizione della Sezione Carabinieri Tutela per il Patrimonio Culturale di Bari. Il cittadino rumeno, denunciato a piede libero per ricettazione,  non ha saputo giustificare il possesso dei reperti.

indietro

Ultime 24 ore

Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.